Parrocchia di Santo Stefano e San Leonardo
Casalmaggiore
Provincia e Diocesi di Cremona

nel Web sito DuomoCasalmaggiore

Progettazione contenuti:
Don Alberto Franzini e
Don Davide Barili
Progettazione e realizzazione Sito:
Giulio Destri
Aggiornamenti:
Martina Abelli
Responsabile "Chierichetti":
Francesco Salvatore
Responsabile "Fatti una risata":
Antonio Lucotti

 

Oratorio > Notizie storiche
Notizie storiche
a cura di Enrico Cirani
L'Oratorio Maschile della Parrocchia di Santo Stefano di Casalmaggiore all'inizio del 1900 aveva sede presso la Chiesa di San Francesco, nella parte residuale dell'antico Convento: solo quattro stanzette al piano terreno (tra le quali l'antica sagrestia della chiesa) ed un cortile; al piano superiore l'abitazione del sacerdote.
La piccola cripta sottostante la parte absidale della chiesa, scampata all'incendio del 1919, era stata adibita a cappella.
Compito dell'Oratorio era anzitutto la scuola di catechismo gestita anche colla collaborazione delle religiose degli istituti locali, presso i quali era ospitata, pur con molte limitazioni, la gioventù femminile, priva di un proprio oratorio.
Vi aveva sede anche il battagliero Circolo cattolico maschile Alessandro Manzoni, che nel 1920 contava 93 soci, oltre un gruppo di 28 scout. Per l'attività ricreativa era stato ricavato entro la casa abbaziale il teatro Manzoni (attivo sino al 1960), che fungeva da cinematografo parrocchiale (prima muto e poi sonoro) e da teatro per la filodrammatica giovanile.
Il Circolo divenne poi Associazione Giovanile di Azione Cattolica Alessandro Manzoni, con annessa la sezione aspiranti intitolata a Pier Giorgio Frassati.
L'impegno formativo nell'Azione Cattolica, rigoroso ed insieme avvincente, attento anche agli aspetti organizzativi e ricreativi, portò l'Associazione Manzoni a non comuni livelli qualitativi e numerici: essa divenne il nucleo trainante di tutte le attività dell'Oratorio ed ebbe pure la ventura di formare un valido gruppo di giovani che, negli anni del dopoguerra, costituirono il nerbo della presenza dei valori cristiani nella vita pubblica locale.
L'insufficienza dei locali, la mancanza di strutture ricreative adeguate, l'inesistenza di un edificio per l'Oratorio femminile, indussero nel 1947 la parrocchia, d'intesa colle autorità diocesane, all'avvio di un impegnativo piano tecnico e finanziario per realizzare una Casa della Gioventù (e delle attività parrocchiali in genere), procedendo all'acquisto di alcuni immobili limitrofi. Già all'inizio del 1949 l'edificio ristrutturato poteva ospitare la nuova razionale sede dell'Oratorio maschile.
Tuttavia dopo solo qualche anno l'iniziativa venne abbandonata. L'oratorio fu trasferito nella casa abbaziale, destinando l'edificio di san Francesco, previe ulteriori rilevanti ristrutturazioni, a sede del Collegio Don Bosco, che precedentemente era ospitato in palazzo Diotti. Il Collegio però cessò la sua attività col 1970.
L'oratorio, divenuto maschile e femminile nella nuova sede, venne intitolato a Giacomo Maffei, giovane universitario casalasco, morto nel 1935 dopo una breve esemplare vita, vissuta nella scia dell'educazione ricevuta negli istituti scolastici salesiani. La sua attività di apostolato, nelle file dell'Azione Cattolica e nella Società San Vincenzo, la sua solida formazione religiosa documentata anche dai suoi scritti, furono oggetto di particolare interessamento da parte dei religiosi Salesiani, con diffusione di sue biografie e col proposito, poi accantonato, di promuoverne una causa di beatificazione.




| Home Page | Contatti | Santo Stefano |